Sono molti i cani che durante lo scoppio di botti e fuochi d’artificio, utilizzati per festeggiare il Capodanno o altre ricorrenze, si spaventano.

Come possiamo aiutare i nostri amici a quttro zampe?

Nei cani la paura dei rumori è tra i più diffusi problemi comportamentali. Questi infatti possono causare crisi di panico e stati fobici nei cani che, grazie ad un udito più sensibile, percepiscono questi rumori in modo molto più forte rispetto a noi.

Il nostro cane può riscontrare dei traumi.

Questi bruschi scossoni emozionali possono portare il cane a dei cambiamenti fisiologici associati alla paura e quindi a mettersi nelle condizioni di fuggire e a difendersi per sopravvivere. Nei casi più gravi, causati spesso da traumi precedenti sempre associati a rumori così violenti, certi stimoli possono essere scatenati anche da rumori minimi.

Sono vari i comportamenti che può avere il nostro cane in risposta a questo:

  • battito cardiaco accelerato

  • tremori

  • aumento della salivazione

  • inappetenza, vomito

  • eliminazioni improvvise o diarrea

  • scavare o raspare su muri o mobili

  • distruzione di oggetti

  • tentativi di fuga

  • camminare avanti e indietro

  • tentativi di salire in braccio

  • seguire il proprietario

  • nascondersi

  • rimanere immobile

Se il cane comincia a manifestare questi sintomi si deve cercare di mantenere e ristabilire la calma. A questo proposito si possono attuare delle accortezze, sia nei giorni precedenti che il giorni stesso, per aiutarlo a superare la paura della notte di san Silvestro ed evitare che quest’ultima si trasformi in un grave stato fobico.

Come aiutare il proprio cane ad affrontare i fuochi d’artificio?

Prepararsi per tempo è possibile:

  • Rivolgersi al proprio veterinario o ad un esperto in comportamento animale e sottoporgli il tipo di problematica: riferitegli i suoi comportamenti e cercate assieme di trovare un modo per allentare lo stress.
  • Preparategli una tana. La tana è sempre utile, ma in questo periodo lo è in modo particolare. Mettete questa sorta di rifugio nel suo luogo preferito o nel posto dove di solito si nasconde, in modo che possa sentirsi a suo agio.

Alcuni accorgimenti per prepararsi alla notte di San Silvestro:

  • Stare con lui e distrarlo con le attività che più gli piacciono.
  • Evitare le passeggiate serali, soprattutto se intorno alla mezzanotte ed evitare di lasciarlo da solo in spazi all’aperto: terrazze, balconi, cortili e giardini (a meno che non si abiti in zone particolarmente isolate).
  • Per ridurre i rumori esterni si possono abbassare le tapparelle o chiudere le persiane. Accendete la TV o la radio per attutire ancor di più i rumori.
  • Se il vostro cane si dovesse spaventare, mi raccomando, non sgridatelo, lasciate che si nasconda nel suo rifugio e non cercate di farlo uscire. Sarà lui ad uscire una volta che si sarà tranquillizzato e in quel momento lodatelo e accarezzatelo per premiarlo del suo comportamento. Prima di quel momento però ogni carezza gli servirà solo per aumentare e confermare le sue paure, per questo motivo è meglio evitare ogni interazioni mentre è spaventato.
  • Se il vostro cane non fosse nelle condizioni di voler giocare, mangiare o fare altre attività che normalmente farebbe perché terrorizzato, sedetevi vicino a lui: è importante che la vostra sia una presenza calma che lo aiuterà a comprendere che non si trova in un imminente stato di pericolo e lo potrete aiutare, almeno in parte, a superare un’esperienza così negativa e potenzialmente traumatica.

Per un maggior approfondimento puoi leggere “Come calmare un cane agitato”.

Possiamo fare la differenza!

Possiamo aiutare i nostri cani a superare questi momenti di difficoltà. E’ importante capire che possiamo sempre fare la differenza per i nostri amici a quattro zampe in modo da rendere il loro stile di vita il migliore possibile, anche nelle situazioni per loro più spaventose. Permettiamogli di vivere serenamente e insieme a noi ogni giorno dell’anno, anche quelle di festa superando insieme lo spavento dei fuochi d’artificio.