I cani sono componenti della famiglia a tutti gli effetti e, proprio per questo, è necessario prendersi cura della loro igiene, per la salute di tutti. D’altronde, se ci pensi bene, spesso dorme e mangia con te e, se non viene lavato, può incorrere in problemi di cute anche molto fastidiosi. Conviene a tutti che il tuo cane sia pulito e splendente 🙂

Ma ogni quanto va fatto il bagno al cane? Cosa succede se lo si lava troppo? O troppo poco? E se non lo si lava? Scopriamolo insieme.

 

Ogni quanto lavare il cane

Partiamo da due presupposti:

  • Se dovessi lavare il tuo cane troppo spesso potresti finire per eliminare lo strato lipidico secreto dalle ghiandole sebacee correndo il rischio di far seccare la sua pelle ed esporlo all’attacco di agenti esterni come batteri e parassiti.
  • Se, al contrario, non dovessi lavare il tuo cane affatto, rischieresti invece di lasciare che si accumuli sporcizia finendo addirittura per avere problemi di cute anche gravi e fastidiosi. In più – soprattutto per quanto riguarda i cani che vivono in appartamento – rischieresti di rendere insalubre l’ambiente in cui vivete.

Come sempre, la giusta misura sta nel mezzo, perciò è bene sapere come tenere al meglio il tuo cane sia per te che per lui. In buona sostanza, si potrebbe dire che molto dipende dal pelo dell’animale. I cani a pelo lungo, ovviamente, avranno bisogno di cure più approfondite perché accumulano più sporco ed il loro pelo nasconde insidie che potrebbero creare problemi al cane.

Ora, in buona sostanza, i cani potrebbero anche essere lavati ogni settimana, purché si utilizzino strumenti e prodotti adatti alla loro pelle ma, a seconda delle necessità, si potrebbe tenere come regola d’oro un bagno ogni 3 settimane/un mese circa, se il cane non soffre di particolari patologie dermatologiche, vive più spesso in casa e non si sporca eccessivamente.

    come lavare il cane

    Come lavare il cane

    Se, per lavare il cane, stavi per usare il tuo shampoo, ferma tutto: Il cane non ha la tua stessa pelle, così come non ha le tue necessità; preparati a spendere qualche soldo in più e del tempo per recuperare i prodotti giusti.

    • Innanzi tutto, non sarebbe male posizionare il cane su un tavolo da toelettatura, per mettere il cane a suo agio e poterlo pulire comodamente.
    • Poi dovresti passare all’eliminazione del pelo morto grazie a un soffiatore di buona qualità. Fai attenzione, però, a non eliminare solo il pelo, ma anche la sporcizia accumulata nel manto.
    • Ora ci si sposta nel teatro principe del bagnetto: la vasca. Pensavi di poter usare la vasca del tuo bagno? E invece è meglio di no! Rischieresti di rovinarla, soprattutto se il cane si agita molto durante il bagno. Meglio procurarsi uno dei diversi modelli di vasca in polietilene o in acciaio presenti in commercio. Pensa che c’è anche l’idromassaggio per i cani. E no, non è uno scherzo.
    • Ovviamente serve un prodotto apposito per la pulizia del cane, acquistabile in un negozio per animali.
    • Dopo aver lavato bene il cane – e asciugato bene il pavimento – si procede con l’asciugatura. Ovviamente serve uno strumento specifico per questo compito, che non è lo stesso per cui hai acquistato il soffiatore, perché serve aria calda. Con il phon per cani hai concluso la missione pulizia-amico-peloso.

    In fondo, il tutto è costato solo un paio di migliaia di euro, qualche ora per sistemare tutto il caos post lavaggio e qualche decina di metri quadri per mettere via tutti i tuoi nuovi gingilli, oppure…

     

    come lavare il cane

    Lo sai che esiste anche il lavaggio cani self service?

    …oppure puoi rivolgerti a luoghi specializzati che ti mettono a disposizione tutti gli strumenti necessari lasciandoti all’intimità del bagnetto con il tuo cane. Già, perché il servizio lavaggio self service esiste ed è erogato da attività come Wash Dog Dalmine, a cui è possibile rivolgersi h24, sette giorni su sette. Questo per venire incontro a tutte le esigenze e garantire un cane pulito a tutti i padroni. “Il cane dev’essere lavato spesso perché vive vicino alla persona, non può essere sporco”, secondo Ivan di Wash Dog Dalmine, “è per questo che abbiamo investito nella formula 24h; con il lavaggio sempre aperto, ti basta entrare con la tessera – è già tutto pronto, anche l’asciugatura – e puoi lavare il cane quando vuoi, in piena autonomia”.

    Questa è probabilmente la soluzione più semplice e alla portata di tutti, senza gli onerosi acquisti di base potrai disporre di strumentazione veramente professionale e non ti dovrai nemmeno separare dal tuo amico a quattro zampe.