Cani bulli e padroni incoscienti. Potrebbe essere un bel titolo per una commedia di successo.

Insegnare al cane a ignorare altri cani potrebbe funzionare solo a metà: risolveresti la fatica di dover gestire gli inevitabili incontri con altri cani durante le passeggiate, ma potresti costringerlo a un comportamento innaturale che rischia di causare problemi nel lungo periodo. Esistono però delle norme di comportamento generali che possono essere utili per evitare al cane inutili tensioni.

Il bullo del quartiere

«Dottore, il mio cane ringhia a tutti gli altri cani, abbaia in continuazione, tira il guinzaglio ed è aggressivo con tutti, non ce la faccio più. Non sarà mica che… ha preso la rabbia? «

Il veterinario si tolse gli occhiali da sole in un gesto epico decisamente fuori luogo.

«No, signora mia. È evidente, il suo cane è solamente un bullo.»

 

Ah, l’adolescenza! I primi amori, la scuola, le smutandate dei bulli… e se ti dicessi che i nostri cani ci assomigliano molto più di quanto pensassi? No, niente a che vedere col bullismo, per fortuna. Però gli effetti di un cane aggressivo e con tendenze dominanti possono portare più di un cane all’isolamento sociale, ed è un problema sia per le vittime che per gli aggressori.

insegnare al cane ad ignorare gli altri cani

È giusto insegnare al cane a ignorare altri cani?

Esattamente come succede a noi, anche i cani passano delle fasi importanti per lo sviluppo del proprio carattere. La razza può influire sul suo comportamento, ma per dare al cane gli strumenti giusti per stare bene e rispettare gli altri cani (e i rispettivi padroni), è fondamentale che riceva i giusti insegnamenti e passi del tempo con altri cani, specialmente durante i primi mesi di vita.

Pretendere che il cane impari a ignorare completamente gli altri cani, portando l’attenzione solo sui comandi del padrone, rischia di coprire il problema senza risolverlo per davvero. Inoltre, sei davvero sicuro che tu non stia proiettando sul tuo cane un esempio di vita sociale costruito in base alle tue personali esigenze?

Detto in parole povere: non è che l’idea di stare al parco e parlare con gli altri padroni, senza la preoccupazione di gestire un cane complicato, abbia preso il sopravvento sulla salute del cane stesso?

*musica drammatica in sottofondo*

Mettiamola così, se il tuo cane sta bene, stai meglio anche tu. Sei d’accordo? E se l’obiettivo è fare in modo che il cane sia più tranquillo di fronte a incontri con altri cani al guinzaglio, allora è necessario intraprendere un percorso specifico (perché ogni cane è diverso dall’altro) che lo aiuti a sentirsi bene e a socializzare nella maniera corretta, in presenza di altri cani e in ambienti diversi da quello di casa.

insegnare agli altri cani ad ignorare gli altri cani

Come comportarsi in presenza di altri cani

Sembra tutto molto complicato, e in effetti un po’ lo è. Ma per fortuna esistono i veterinari e gli educatori cinofili 🙂 Ricordati sempre di rivolgerti a una figura professionale, se il tuo cane ha problemi a relazionarsi con gli altri cani.

Ci sono però delle norme di comportamento che si possono adottare a partire da subito, e non per insegnare al cane a ignorare altri cani, ma per aiutarlo a rapportarsi con il resto del mondo. Una sorta di bon ton canino, più o meno:

  • Durante la passeggiata, tieni il cane verso l’interno. In pratica, deve stare al tuo fianco dal lato del muro, per evitare che si esposto a troppi stimoli e a tensioni inutili.
  • Tieni il guinzaglio a una lunghezza fissa e cammina rilassato. Se ti fermi o cambi strada, o se accorci e tiri il guinzaglio dopo aver visto un altro cane, potresti lanciare al cane dei messaggi sbagliati.
  • Per lo stesso motivo, durante l’incontro con un altro cane, non chiamare il suo nome in tono di rimprovero per fermarlo preventivamente, e non utilizzare il tuo corpo come barriera tra te e il cane.
  • All’interno di un’area verde, in presenza di cani sconosciuti, evita di slegarlo subito, ma lascia che i cani si conoscano e che passino del tempo insieme, per vedere le reazioni di entrambi e capire se ci sono delle tensioni particolari. Se possibile, organizza un paio di incontri a distanza ravvicinata.

Quest’ultimo punto è molto dibattuto: alcuni esperti sostengono che i cani debbano essere liberi durante il loro primo incontro. Ma se anche fosse vero, in un’area con molti altri cani potrebbe essere pericoloso dover fermare una rissa inaspettata, soprattutto tra cani di grossa taglia. Quindi, in definitiva, vale sempre il principio di precauzione e buon senso, in presenza di altri cani; una sana socializzazione potrebbe essere la risposta ai suoi istinti aggressivi.

 

Ricordati, infine, che non è sempre vero che il tuo cane debba incontrare nuovi cani sconosciuti, in alcuni casi, potrebbe non fargli bene. Se, anche con le dovute precauzioni, il tuo cane manifestasse una condotta problematica, non insegnare al cane a ignorare gli altri cani, ma rivolgiti un educatore cinofilo!